RSS

Post-it.

25 Ago
Che potrebbe voler dire molto ma anche niente.
Perchè al giovedì sera lo Spider fa l’happy hour? E perchè ogni venerdì mattina mi sveglio con la testa pesante? Sono misteri che non riuscirò mai a capire, un po’ come la gravità, il tempo, l’uovo, l’esistenza delle zanzare e del perchè se si guarda costantemente una foto, poi ti sembra che la persona l’hai già vista.
Considerando gli effetti devastanti dell’alcool sull’organismo umano devo dire che me la passo decisamente di lusso! anche per una serie di predisposizioni fisiche:
– di neuroni da bruciare credo di averne sempre avuti pochi, e quei pochi credo non siano riusciti a convivere con l’idea di vivere nella mia testa, dando luogo, anni or sono, ad una diaspora verso nuovi orizzonti.
– il fegato….ah….lui è abituato, non credo che sarà l’alcool a prosciugarlo, ma bensì altri cibi, visto che praticamente ingurgito tutto ciò che di commestibile (e a volte anche no!) mi si piazza in un piatto.
– l’aumento di peso, non fa proprio al caso mio. Se possibile direi anche che sto dimagrendo (e non mi spiego il perchè!!!). I jeans di taglia 42 (che per un uomo sono strettini) senza cintura potrei sfilarmeli tranquillamente anche se rimangono allacciati (ma chi è Houdinì!?!?!!??!).
Per il resto direi che tutto rimane nella norma, anche se non è mia intenzione trasformare questo luogo di delirii mentali in una specie di diario on-line dove chiunque può farsi i cazzi miei.
Direi che l’idea di fare un blog su stile “My Magic Diary” è un po’ assurda, poi almeno il My Magic Diary aveva il lucchetto, si vabbeh chiamarlo lucchetto è usare paroloni….
Non mi piace l’idea che chiunque possa tranquillamente possa farsi i cazzi miei, così solo perchè magari non ha nulla da fare…e anche ammesso che un giorno o l’altro possa anche andarmi giù l’idea, non lo fare ugualmente perchè si perde tutta l’enfasi della tradizione orale.
Per millenni ci siamo tramandati il sapere, la cultura ma soprattutto le cazzate oralmente, davanti al focolare, dove il vecchi di turno parlava, i giovani ascoltavano rapiti…….rapiti dal puma che si aggirava quatto quatto nei pressi dell’accampamento.
Sopravvissero in pochi…erano tempi duri, e tutti speravano che quel cazzo di puma si portasse via il vecchio che ogni sera stava lì attorno al fuoco raccontando cazzate che non interessavano a nessuno ma che erano costretti ad ascoltare. La TV e la radio ancora non c’erano.Perla del giorno:
Il sole disse “Oggi sarò alto nel cielo!”….più in basso, in mezzo ad un prato una cacca rispose “Questo mi secca un po’…..”
Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su agosto 25, 2006 in Any other business

 

Una risposta a “Post-it.

  1. Michele

    agosto 25, 2006 at 2:00 pm

    nooo è così bello scrivere i fatti propri (ovviamente fino ad un certo punto) a me permette di sfogarmi..
    cmq se continui così a scrivere cose che mi fanno scompiscare sono contentissimo 😀

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: